Messaggio n° 1681 del 20-04-2020

Direzione Centrale Inclusione Sociale e Invalidita' Civile
Direzione Centrale Tecnologia, Informatica e Innovazione
Domanda di Reddito e Pensione di Cittadinanza. Ampliamento delle modalità di richiesta del beneficio

Ai sensi dell’articolo 5 del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, le domande di Reddito e Pensione di Cittadinanza (Rdc/Pdc) sono presentate:

- tramite il gestore del servizio integrato di cui all'articolo 81, comma 35, lettera b), del decreto-legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 (Poste Italiane S.p.A);

- accedendo in via telematica, tramite SPID, al sito www.redditodicittadinanza.gov.it;

- presso i centri di assistenza fiscale di cui all'articolo 32 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241;

- presso gli istituti di patronato di cui alla legge 30 marzo 2001, n. 152.

Alla luce del particolare momento che sta attraversando il Paese e della necessità di limitare gli spostamenti delle persone per meglio fronteggiare l’emergenza sanitaria da COVID-19, con il presente messaggio si comunica che l’Istituto ha valutato positivamente la possibilità di consentire ai cittadini di trasmettere la domanda di Reddito e Pensione di Cittadinanza anche attraverso il sito internet dell’INPS, come per tutte le richieste di prestazione che possono essere richieste all’Istituto, autenticandosi con PIN dispositivo, SPID, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica.

Il servizio è raggiungibile nella sezione “reddito di cittadinanza/pensione di cittadinanza” del sito www.inps.it.

Si ricorda che, per la valida presentazione della domanda, il richiedente la prestazione dovrà essere in possesso di una attestazione ISEE valida o comunque dovrà avere presentato la dichiarazione sostitutiva unica al momento della presentazione della domanda di Reddito di Cittadinanza.

I dati richiesti e le dichiarazioni di responsabilità previsti in sede di presentazione della domanda sono quelli previsti dal modulo di domanda RdC/Pdc, predisposto, ai sensi dell’articolo 5, comma 1, del decreto-legge n. 4/2019, convertito dalla legge n. 26/2019, con provvedimento dell’INPS, sentito il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali e il Garante per la protezione dei dati personali.

Il Direttore Generale
Gabriella Di Michele