Messaggio n° 2410 del 24-06-2021

Direzione Centrale Inclusione Sociale e Invalidita' Civile
Direzione Centrale Organizzazione e Comunicazione
Direzione Centrale Tecnologia, Informatica e Innovazione
Progetto “INPS per tutti”. Sottoscrizione Accordo quadro

1. Premessa

Con il messaggio n. 3449 del 24 settembre 2019, l’Istituto ha avviato la sperimentazione del progetto “INPS per tutti”, con la finalità di rendere più accessibili le prestazioni sociali da parte di potenziali beneficiari in condizione di grave emarginazione e fragilità.

La sperimentazione del progetto è stata attivata nelle aree metropolitane di Roma, Milano, Torino, Bologna, Napoli, Bari e Catania, con l’intento di un’estensione progressiva a tutto il territorio nazionale.

Con il coinvolgimento attivo del personale dell’Istituto, in sinergia con i Comuni e le Associazioni del terzo settore - mediante stipulazione di appositi Protocolli d’Intesa -, sono stati raggiunti i soggetti più poveri ed emarginati attraverso azioni mirate di prossimità, garantendo assistenza ai potenziali beneficiari di prestazioni nella presentazione delle domande e/o nella soluzione di diverse problematiche.

A causa delle restrizioni imposte dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, è stato necessario ripensare nuove modalità di prosecuzione e di riavvio del progetto in condizioni di sicurezza per tutti i soggetti coinvolti.

Con il messaggio n. 4144 del 6 novembre 2020 è stata quindi disposta la rimodulazione di alcuni aspetti organizzativi, valorizzando l’interazione da remoto, potenziata nella fase emergenziale, in modo da garantire la ripresa, la continuità e la diffusione delle azioni già attuate.

2. Interventi per il riavvio

È stata istituita una rete di referenti per ciascun ambito territoriale coinvolto, per creare un canale di interazione con gli operatori degli Enti/Associazioni, favorire lo scambio di esperienze e garantire lo svolgimento e la continuità delle attività progettuali.

È stato inoltre necessario definire le modalità per consentire una collaborazione strutturata tra l’Istituto, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), la Caritas Italiana e la Comunità di Sant’Egidio.

Sono state così delineate, a livello centrale, in apposito Accordo quadro le iniziative di cooperazione da avviare e replicare a livello locale in base alle specificità di ciascun territorio, nell’ottica di ottenere i migliori risultati possibili, tenuto conto della prevalente finalità di carattere sociale a cui il progetto tende.

3. Accordo quadro

Con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 71 del 19 maggio 2021, è stato adottato l’Accordo quadro di collaborazione tra l’Istituto, l’ANCI, la Caritas Italiana e la Comunità di Sant’Egidio, sottoscritto in data 4 giugno 2021 (Allegato n. 1).

L’Accordo prevede la collaborazione dell’Istituto con gli Enti e le Associazioni indicati, finalizzata a promuovere specifiche iniziative territoriali, volte a consolidare i risultati della sperimentazione del Progetto “INPS per tutti” e a garantirne la realizzazione in costante sinergia.

L’Istituto, in qualità di promotore del progetto, ha assunto il ruolo di coordinatore delle attività derivanti dall’Accordo quadro, con particolare riferimento ai lavori svolti nell’ambito del Tavolo tecnico, descritto nell’articolo 3 dello stesso Accordo, composto dai rappresentanti di ciascuna delle Parti coinvolte.

I lavori del Tavolo tecnico saranno immediatamente avviati per coordinare le attività a livello centrale, dettagliare le modalità degli interventi e l’attuazione di tutte le iniziative legate al riavvio del progetto sul territorio.

Nell’esercizio della prevista funzione di coordinamento, l’Istituto si impegna a fornire consulenza di carattere generale, anche in ordine a eventuali criticità riscontrate, e a raccogliere con cadenza semestrale i monitoraggi sull’andamento del progetto nei diversi territori, sui bisogni rilevati e sull’efficacia degli interventi attuati, secondo le indicazioni riportate al successivo paragrafo 6.

Le descritte attività di coordinamento saranno esercitate dalla Direzione centrale Inclusione sociale e invalidità civile.

I partner del progetto (ANCI, Caritas Italiana e Comunità di Sant’Egidio) si impegnano a promuovere, diffondere e favorire la conoscenza del progetto “INPS per tutti” presso i Comuni, le Caritas diocesane e i soggetti operanti nel volontariato, nonché a effettuare il monitoraggio della platea dei soggetti presi in carico a livello locale, condividendone gli esiti con l’Istituto.

L’Accordo avrà durata annuale a decorrere dalla data di sottoscrizione e potrà essere rinnovato per una sola volta e per uguale periodo, tramite scambio di note a mezzo PEC tra le Parti.

4. Accordi locali

Sulla base delle linee di indirizzo tracciate dall’Accordo quadro, le Strutture territoriali INPS già coinvolte nel progetto e quelle che per la prima volta vi aderiranno dovranno sottoscrivere specifici Accordi a livello locale con i Comuni e le Associazioni di volontariato del territorio di competenza, per disciplinare nel dettaglio le modalità di attuazione delle iniziative.

Quanto disciplinato negli Accordi locali dovrà essere coerente con i contenuti generali dell’Accordo quadro. Potranno, tuttavia, essere disciplinati ulteriori aspetti legati alla specificità di ciascun territorio; in tali ipotesi il testo dell’Accordo locale dovrà essere sottoposto preventivamente alla Direzione centrale Inclusione sociale e invalidità civile per le opportune verifiche di rispondenza alle finalità e ai principi generali che ispirano il progetto “INPS per tutti”.

Gli Accordi locali saranno predisposti ai sensi dell’articolo 3 dell’Accordo quadro e sottoscritti dai Direttori regionali e di coordinamento metropolitano territorialmente competenti.

Gli Accordi sottoscritti dovranno essere trasmessi alla Direzione centrale Inclusione sociale e invalidità civile e per conoscenza alla Direzione centrale Organizzazione e comunicazione.

In analogia con quanto previsto a livello centrale, si ravvisa l’opportunità di attivare appositi Tavoli tecnici locali con i partner del progetto, per favorire periodici confronti, definire specifici interventi e condividere eventuali criticità. Le questioni di maggiore rilievo, che emergeranno dai Tavoli tecnici locali, saranno opportunamente condivise con la Direzione centrale Inclusione sociale e invalidità civile per approfondimenti anche in sede di Tavolo tecnico centrale.

5. Questionario

Il questionario on line, anonimo e dinamico, messo a disposizione fin dall’avvio del progetto “INPS per tutti”, continuerà a essere uno strumento di indirizzo consigliato, a uso degli operatori di Enti/Associazioni coinvolti, per individuare i possibili beneficiari di prestazioni erogate dall’Istituto.

Tale strumento è accessibile sul sito internet dell’Istituto, senza necessità di autenticazione, al seguente link:

https://servizi2.wmo.inps.it/servizi/InpsPerTutti/index.aspx

Prima della somministrazione del questionario, gli operatori degli Enti/Associazioni faranno sottoscrivere ai soggetti individuati dagli operatori stessi specifica dichiarazione di consenso al trattamento dei dati, per consentire una puntuale rendicontazione delle attività svolte e valutare l’attuazione di interventi ulteriori per lo sviluppo della collaborazione.

Gli operatori sociali e delle Associazioni di volontariato potranno ricevere apposita formazione per la gestione del questionario e delle altre attività di informazione.

6. Gestione richieste

I referenti territoriali dell’Istituto e gli operatori di Enti/Associazioni coinvolti potranno attivare appuntamenti in presenza presso le Strutture territoriali Inps competenti o fare ricorso ai più moderni strumenti di dialogo e collaborazione adottati dall’Istituto, come il sistema delle videochiamate (web-meeting), per la soluzione di casi di maggiore delicatezza, che non possano trovare soluzione attraverso le usuali comunicazioni telematiche.

Le Parti potranno definire le modalità attraverso le quali facilitare l’accesso dei potenziali beneficiari delle prestazioni alle misure gestite dall’INPS utilizzando i canali a disposizione dell’Istituto.

7. Rendicontazione

Per favorire le attività di monitoraggio è stata predisposta un’apposita scheda (Allegato n. 2) da utilizzare per la rendicontazione a livello locale in sinergia con i partner del progetto, da compilare a cura delle Direzioni regionali e di coordinamento metropolitano.

Le schede dovranno essere trasmesse ogni semestre alla Direzione centrale Inclusione sociale e invalidità civile, che effettuerà il monitoraggio a livello nazionale.

8. Comunicazione

Per favorire la conoscenza e le finalità del progetto “INPS per tutti” saranno sviluppate azioni di comunicazione, coordinate dalla Direzione centrale Organizzazione e comunicazione, in sinergia con la Direzione centrale Inclusione sociale e invalidità civile.

A livello locale, potranno essere inoltre concordate con i partner del progetto specifiche campagne informative per favorire collaborazioni e promuovere interventi integrati di contrasto alle situazioni di disagio economico e sociale.

Il canale di comunicazione privilegiato con i referenti del territorio sarà la casella di posta elettronica istituzionale inpsxtutti@inps.it.

Le Strutture territoriali coinvolte sono invitate a istituire analoghe caselle di posta elettronica istituzionale dedicate al progetto, i cui indirizzi saranno messi a disposizione dell’intera rete dei referenti.

Il Direttore Generale
Gabriella Di Michele